Il Consorzio

Il consorzio è composto dai produttori Cantina Tollo, Feudo Antico CTSCA, Vigneti Radica e Cantina Coltivatori Diretti Tollo CCDD. È nato come strumento per armonizzare ogni azione al fine di operare seguendo i tre parametri fondamentali che hanno portato alla nascita prima della DOP e in seguito della DOCG: la tradizione, l’uomo e la ricerca. L’obiettivo è quello utilizzare il riconoscimento della DOCG Tullum per rafforzare le aspirazioni di miglioramento delle condizioni produttive ed economiche di una zona da sempre vocata a “fare Vino”.Il consorzio inoltre ha da sempre un’attenzione particolare alla conservazione e alla valorizzazione delle tracce archeologiche in località San Pietro di Tollo come strumento per dare sempre nuovo impulso allo sviluppo del territorio.

Il disciplinare di produzione

La Denominazione di Origine Controllata e Garantita “Terre Tollesi” o “Tullum” è riservata ai vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti prescritti nel disciplinare di produzione. Il disciplinare di produzione stabilisce una produzione con basse rese per ettaro, l’utilizzo di varietà̀ autoctone e pratiche di cantina rispettose del prodotto. Tullum introduce per la prima volta il concetto di cru da singoli vigneti. Il disciplinare di produzione, infatti, individua nei singoli fogli di mappale i vigneti autorizzati all’impianto delle specifiche varietà. Le uve, escluse quelle provenienti dai vigneti posti ad un’altitudine inferiore a 80 m s.l.m., devono essere raccolte, vinificate e imbottigliate esclusivamente nella zona di produzione. La densità di impianto a ettaro non può essere inferiore a 1.600 ceppi/ettaro per la pergola abruzzese e 4.000 ceppi/ettaro per i filari. Approfondisci i requisiti produttivi che tutelano la qualità delle nostre produzioni:

Scarica il disciplinare di produzione